Il Caldana si sbarazza agevolmente del Porto Azzurro

Altre Notizie

Di Massimo Galletti

Un ottimo Caldana, rifila tre reti al Proto Azzurro nella 5^ giornata del campionato di seconda categoria girone “F”. I maremmani privi del loro allenatore Antonino Ruggeri in tribuna per squalifica, dopo un quarto d’ora di studio, riescono a prendere il sopravvento sui livornesi, fino a controllarli senza difficoltà per tutto il resto della gara. Il Poroto Azzurro si fa pericoloso solo nel primo quarto d’ora. L’occasione più ghiotta per gli ospiti arriva da un fuorigioco non perfetto della difesa maremmana che consente all’attaccante livornese di trovarsi a tu per tu con Berti che è bravo a negare la gioia del goal al giocatore avversario. Passato il pericolo la formazione del presidente Di Curzio si sblocca e per il Porto azzurro non c’è più niente da fare. Il primo goal arriva intorno al 30^ del primo tempo, su calcio di rigore. Prima viene commesso fallo in area si Rotelli non rilevato dal direttore di gara. Poi sulla azione seguente, va giù anche Filippini e qui l’arbitro non ha esitazioni a mostrare il dischetto di rigore. S’incarica di tirarlo Ghiggi che dall’11 metri non sbaglia per l’1 a 0. Al 35’ arriva il raddoppio per i padroni di casa. Filippini crossa dal fondo. La sfera scavalca il portiere avversario e Masiello è lesto a insaccare di piatto per il 2 a 0. La terza rete arriva intorno al 25’ del secondo tempo. Punizione laterale di Cerboni. La palla attraversa tutta l’area del Porto Azzurro. Nessuno interviene, nemmeno il portiere livornese che giudica male la traiettoria del pallone che finisce in rete per il 3 a 0. Nel finale di gara il Caldana ha ancora l’occasione per andare sul 4 a 0, ma sarebbe stata un punizione troppo pesante per il Porto Azzurro apparso mai pericoloso. Per il Caldana arrivano invece tre punti preziosi per la classifica.

OGGI SU 1 SPORT

TESTATA GIORNALISTICA REGISTRATA AL TRIBUNALE DI GROSSETO N.7/10

P.IVA 01425990536

Vivi Grosseto è Patrocinato da

logo provincia di GrossetoLogo comune di Grosseto