Torna al successo il San Donato dopo oltre un mese di digiuno

Altre Notizie

Di Maurizio Falasconi

ORBETELLO - SAN DONATO  0-1

ORBETELLO (4-5-1):
SABATINI, BARBINI, VALERI (1'st DIONISI), RONCUCCI, MARCHI, VALENTE, MAGGIOLINI L. (34'st LAMPREDI), BARTOLI (1'st GIUSTI), MIDA, MAGGIOLINI S., SCARANO.
A disposizione: FANTERIA, CALCHETTI, VENANZI, CECCONI.
Allenatore: CAROTTI

SAN DONATO (4-4-2):
AMOREVOLI A., AGNELLI, AMOREVOLI M., SAVINI, ZAULI E., AMOREVOLI D., PIRA (21'st NEGRINI A.), RIGUTINI, NEGRINI L. (37'st ZAULI F.), BENASSI (42'pt GALANTINI), RISPOLI.
A disposizione: CAPOROSSI, MUSARRA, CONTI, BERTI.
Allenatore: GUIDI

MARCATORI:
39'pt NEGRINI L.

ARBITRO:
Sig. LIBERATORI di Arezzo

CRONACA
Torna al successo il San Donato dopo oltre un mese di digiuno (l'ultima vittoria risale infatti al 4 dicembre 2011, quando si impose per 2-0 sul campo della Castiglionese), e lo fa con merito ai danni dell'Orbetello di mister Carotti, che non riesce, così, a bissare l'impresa della domenica precedente, quando, in formazione largamente rimaneggiata, riuscì a portare a casa un punto, tanto importante quanto inaspettato, dalla trasferta di Manciano.
C'è da dire che la compagine allenata da mister Guidi possiede un tasso tecnico obiettivamente superiore a quello dei lagunari (non ce ne vogliano), i quali, per contro, vantano probabilmente la rosa più giovane del campionato e pagano una serie di vicissitudini societarie non idilliache.
Ma veniamo alla gara, il cui andamento risulta chiaro sin dall'inizio: gli ospiti prendono in mano il controllo del match, mentre i padroni di casa si difendono portando spesso dieci giocatori dietro la linea della palla e lasciando in avanti il solo Mida, pronti però a ripartire cercando di sfruttare la fisicità proprio di Mida e la velocità di Scarano e Maggiolini S..
I lagunari, schierati inizialmente con un 4-5-1, presentano una linea di difesa con Barbini, Marchi, Roncucci e Valeri; Valente, Maggiolini L. e Bartoli a centrocampo, Maggiolini S. esterno destro, Scarano esterno sinistro e Mida centravanti.
Gli ospiti adottano, invece, un 4-4-2 con Agnelli, Savini, Zauli E. e Amorevoli M. in difesa; Amorevoli D. e Rigutini centrocampisti centrali; Pira esterno destro e Benassi esterno sinistro; Negrini L. e Rispoli in attacco.
La supremazia territoriale del San Donato non crea grossi pericoli a Sabatini, il quale si limita a controllare alcune conclusioni dalla distanza, effettuate dai vari Benassi, Rigutini, Agnelli, Amorevoli D., tutte fuori dallo specchio della porta.
Per l'Orbetello, l'unica conclusione degna di nota è un tiro di Mida, scoccato dal limite dell'area, alto sulla traversa.
Si arriva così al 39', quando una pregevole combinazione palla a terra vede protagonisti Rigutini-Rispoli-Benassi, con quest'ultimo che serve un assist millimetrico a Luca Negrini ed il bomber ringrazia a modo suo: diagonale vincente e palla in rete!
C'è da sottolineare, nella circostanza del gol che si rivelerà decisivo per l'esito dell'incontro, sia la bella giocata degli attaccanti del San Donato, sia il poco convincente posizionamento della linea difensiva dell'Orbetello, sicuramente non impeccabile nell'occasione.
La prima frazione di gioco si conclude con il cambio obbligato Benassi-Galantini, a causa di un colpo involontario ricevuto dal n.10 ospite e che lo costringe alla doccia anticipata.
I secondi 45 minuti riprendono subito con due cambi operati da mister Carotti (Giusti e Dionisi sostituiscono Valeri e Bartoli) ed un nuovo assetto tattico: si passa al 4-4-2 con Barbini, Giusti, Marchi e Roncucci a comporre la linea di difesa; Maggiolini L., Valente, Dionisi e Maggiolini S. a centrocampo; Scarano a supportare Mida in attacco.
Mentre il San Donato mantiene inalterato l'atteggiamento tattico dei primi 45 minuti di gioco.
Inizia la ripresa e la partita sembra subire un'inversione di tendenza: sia i cambi effettuati che la nuova disposizione tattica consentono ai padroni di casa di mettere un po' di pressione alla retroguardia ospite che rischia seriamente di capitolare al 2' di gioco: sull'out sinistro, Scarano effettua un cross perfetto per Mida che, in perfetta solitudine nell'area piccola, perde l'attimo giusto ciccando malamente da pochi passi.
Due minuti più tardi, ci prova Valente da fuori, ma la conclusione si perde sopra la traversa.
Risponde il San Donato con Rigutini che, sugli sviluppi di una calcio di punizione di Pira e successiva spizzata di Rispoli, arriva con un attimo di ritardo a due passi dalla porta difesa da Sabatini.
La supremazia dei padroni di casa comincia lentamente a diminuire, anche a causa di una non perfetta condizione fisica, e gli ospiti, grazie al maggiore tasso tecnico e di esperienza, riprendono le redini dell'incontro e cominciano a portare nuovi pericoli alla difesa avversaria. In uno di questi tentativi, al 31', Negrini A. (subentrato nel frattempo a Pira), viene spinto ingenuamente in area da Roncucci e si lascia cadere: il sig. Liberatori di Arezzo non ha dubbi (noi dalla tribuna qualcuno lo abbiamo avuto...) ed assegna il calcio di rigore. Dal dischetto va lo stesso Negrini A., il quale, però, calcia debolmente alla destra di Sabatini consentendo a quest'ultimo di respingere la conclusione dagli undici metri e mantenere il risultato sullo 0-1.
La ghiotta occasione di chiudere il match non sposta comunque gli equilibri, anzi, è sempre il San Donato ad avere l'opportunità di realizzare il 2-0, ma pecca di precisione negli ultimi sedici metri. Inoltre, quando Negrini A. mette dentro una respinta di Sabatini su tiro di Rispoli, il direttore di gara annulla per fuori gioco.
Da segnalare, nei minuti finali, le espulsioni di Scarano (46') e di Barbini (48'), frutto esclusivamente di stanchezza e scarsa lucidità, ma che priveranno l'Orbetello di altri due elementi in vista della gara contro l'Alberese.
Finisce 1-0 per il San Donato che riesce a mantenere il passo della capolista Pienza (sempre a tre punti) ed a conservare due punti di vantaggio  sulla Castiglionese.
Per l'Orbetello, invece, la zona play-out è ora a quattro punti.

OGGI SU 1 SPORT

TESTATA GIORNALISTICA REGISTRATA AL TRIBUNALE DI GROSSETO N.7/10

P.IVA 01425990536

Vivi Grosseto è Patrocinato da

logo provincia di GrossetoLogo comune di Grosseto