il Ciabatti affronta la trasferta di Sandrigo, per la sesta giornata d’andata della serie A2.

Altre Notizie

 

 

Fonte Enrico Giovannelli

 

CASTIGLIONE. Dare continuità alle prestazioni. E’ con questa volontà che il Ciabatti affronta la trasferta di Sandrigo, per la sesta giornata d’andata della serie A2. La fantastica vittoria di martedì scorso nel posticipo con il Novara (7-4) al Casa Mora ha galvanizzato tutto l’ambiente castiglionese, anche se l’allenatore Filippo Guerrieri getta acqua sul fuoco dei facili entusiasmi: «Il nostro obbiettivo è la salvezza, e per farlo dobbiamo impegnarci sempre al massimo. Aver vinto con una grande squadra come il Novara è motivo d’orgoglio, ora però dobbiamo dimostrarlo anche in trasferta, e Sandrigo sarà un bel banco di prova per tutti. Dobbiamo rimanere con i piedi per terra, solo così potremo pensare di toglierci delle belle soddisfazioni». Il Castiglione effettivamente in queste prime cinque partite della stagione ha fatto bottino pieno in casa: tre vittorie, tutte spettacolari. Ma in trasferta nelle due gare giocate, ha raccolto un solo punto, frutto del pari acciuffato all’ultimo minuto a Pordenone, e poi rimediando la sconfitta a Montecchio Precalcino. La classifica è però ottima, con il secondo posto a quota dieci punti in compagnia del sorprendente Viareggio, dietro la capolista Thiene a 12. Nessuno però vuole fare calcoli, anche se il gruppo biancoceleste ha tutte le potenzialità per ritagliarsi un ruolo importante in questa stagione. Contro il Sandrigo negli ultimi quindici anni si contano dieci sfide, con il fattore campo che l’ha fatta sempre da padrone: 4 vittorie per parte e due pari. Solo una volta il quintetto maremmano è riuscito ad espugnare la pista vicentina: nel campionato di A2 del 1995-96 la vittoria fu fragorosa per 9-3, con 5 reti di Pericoli, una di Brizzi, Bortoli, Mazzini e Goti. Lo scorso anno invece, con il Sandrigo lanciatissimo (alla fine vicentini terzi), all’andata fu pareggio per 3-3 (tripletta di Federico Pagnini), mentre al ritorno non ci fu storia con la sconfitta maremmana per 8-3 (reti di Pagnini, Brunelli e Borracelli). Da valutare nel Castiglione le condizioni fisiche del gruppo, anche se nessuno ha accusato acciacchi fastidiosi, pur avendo speso tantissimo contro la compagine piemontese. Nel Sandrigo, a quota sette punti nel gruppone di centro classifica, occhio al veterano Michele Crovadore cecchino infallibile con i suoi 12 gol, oltre ad Alessandro Fabris, 5 reti, e Daniele Meneghini con 4, che insieme a Marco Chemello e al giovane portiere Riccardo Pozzato compongono il quintetto titolare. I convocati del Castiglione: Marco Bandieri e Giorgio Petrov; Francesco Borracelli, Lorenzo Naldi, Stefano Salvini, Marco Tisato, Michele Nerozzi, Luigi Brunelli, Samuele Muglia, Luca Matassi. Arbitra Damiano Chiminazzo di Vicenza.

OGGI SU 1 SPORT

TESTATA GIORNALISTICA REGISTRATA AL TRIBUNALE DI GROSSETO N.7/10

P.IVA 01425990536

Vivi Grosseto è Patrocinato da

logo provincia di GrossetoLogo comune di Grosseto