Olanda campione e record presenze

Altre Notizie

Non c’è quasi stata partita allo “Jannella” di Grosseto tra Paesi Bassi e Spagna. I rojos si arrendono ai tulipani con il punteggio di 6-3 e vedono sfumare proprio sul più bello i sogni di portare in Spagna l’ambito trofeo a livello giovanile. Troppo forti gli olandesi che trascinati dal partente ter Beek e da una invidiabile solidità difensiva, hanno sempre controllato la partita prima di mostrarsi umani solamente nel nono inning.

Per la partita più importante del torneo, i manager José Luis Riera per la Spagna ed Eric de Bruin per i Paesi Bassi, scelgono di affidarsi ai lanciatori Eric Asensio – lo stesso lanciatore che ha aperto l’esordio della Spagna nel torneo (vittoria 13-2 contro l’Irlanda) - e Luuk ter Beek, che invece in questa competizione aveva lanciato solamente due riprese, da partente, nella complicata vittoria contro la Repubblica Ceca.20180715 TER BEEK Luuk NED (Carlo Marcoladi)

La Spagna non rinuncia alla sua solita aggressività e dopo il rituale del primo lancio, affidato al vice sindaco di Grosseto Luca Agresti, comincia l’incontro mettendo subito la palla in gioco. Con due eliminati, il DH Frank Hernandez batte la prima valida dell’incontro su una linea solamente sfiorata dal guanto di ter Beek, poi avanza in terza su lancio pazzo del pitcher neerlandese il quale però non si scompone e dopo un leggero momento di difficoltà, esce fuori dai guai grazie al sostegno dell’interbase Beugeling, che non fa passare una lenta rotolante di Juan José Gonzalez. Ma se a battere la prima valida è stata la Spagna, a segnare il primo punto è stato il Regno dei Paesi Bassi che, grazie alla maggiore esperienza, fa leva sulle emozioni di Eric Asensio e di un gruppo che ha riportato per la prima volta la Spagna ad una finale europea dopo ben 17 anni. I campioni d’Europa in carica iniziano l’incontro con quattro ball consecutive guadagnate dal proprio leadoff, Tromp, poi sfruttano un errore di tiro del lanciatore, che aiuta il corridore neerlandese ad arrivare fino in terza. Due battitori più tardi Piternella batteva il tiro del terza base per un infield single mentre sulla battuta di Denzyl Bryson, autore del walk-off HR che imponeva la manifesta all’Italia, la selezione oranje andava a casa. Asensio riesce a portarsi fuori dai guai solamente con il 26esimo lancio, con cui obbliga Mingeli ad uno strikeout girato.

20180715 BEUGELING Nolan NED (Carlo Marcoaldi)Dalla Spagna ci si dovrebbe attendere una reazione, che, a parte qualche sporadica valida contro un Luuk ter Beek in assoluto controllo della partita, invece non arriva. Ad approfittarne, manco a dirlo, sono i tulipani che al contrario non si fanno problemi nel battere contro i lanciatori spagnoli. Uscito di scena Asensio al termine della seconda ripresa in favore di Eduardo Dominguez, i campioni in carica raddoppiano nel terzo con una volata di sacrificio di Piternella – uno dei battitori più prolifici del torneo – ed un inning più tardi mettono il proprio sigillo all’incontro segnando i punti del 4-0 con una scelta della difesa sulla battuta di Beugeling, poi su una volata di Tromp lasciata cadere dall’esterno sinistro Pol Rodriguez. I neerlandesi, da questo momento in poi, si preoccupano solamente di gestire, ingabbiati anche dall’efficace Justin Luna, il quale si arrende solamente nell’ottavo (dopo 3 riprese da una sola valida) dove vede entrare i punti del provvisorio 6-0 dalle valide di Bryson, Anasagasti e Boersma. A fine partita la passerella per il partente Luuk ter Beek che, dopo aver concesso due valide in apertura di nono, viene sostituito dal rilievo Arij Fransen e si gode la meritata ovazione tributatagli dal pubblico maremmano.

C’è ancora spazio però per i colpi di scena, perché Fransen ci mette un po’ prima di entrare in clima: appena entrato incassa un lungo doppio nell’esterno centro che vale due corse a casa, mentre poco più tardi la Spagna passa sul 6-3 grazie ad una battuta di Edgar Rodriguez che passava sotto il guanto del terza base. Niente panico: i Paesi Bassi tornano a giocare un inning pulito e chiudono l’incontro prima con un doppio gioco, poi con uno strikeout in sette lanci su Octavio Aulet.

TESTATA GIORNALISTICA REGISTRATA AL TRIBUNALE DI GROSSETO N.7/10

P.IVA 01425990536

Vivi Grosseto è Patrocinato da

logo provincia di GrossetoLogo comune di Grosseto