Come tradizione di fine anno, in questi giorni si è riunito il consiglio del Marathon bike

Altre Notizie

 

Come tradizione di fine anno, in questi giorni si è riunito il consiglio del Marathon bike, il quale ha stilato il bilancio della stagione agonistica amatoriale appena terminata. Nell’occasione è stato riconfermato presidente Maurizio Ciolfi, con l’entrata nel consiglio direttivo di Fabio Giansanti, Marco Catalano e Luca Corridoni. E’ stato inoltre insignito della carica di Presidente onorario, Cesare Argirò, per aver contribuito in modo determinante al conseguimento dei risultati ottenuti dal 2005 sino ad oggi. I numeri di questa stagione parlano da soli: 247 iscritti, 50 vittorie assolute, nelle oltre 350 manifestazioni alle quali hanno preso parte i propri iscritti, per un totale di 2032 presenze, non solo in Italia. Tra le affermazioni più importanti, si segnalano i campionati italiani vinti da Stefano Musardo ( corsa su strada Uisp), Lia Pieraccini (corsa in salita), Roberta Elia,Paola Bocci, Daniela Mucciarelli, Marinela Chis, Lia Pieraccini e Silvia Sacchini (campionesse italiane Uisp a squadre di corsa in salita) e il campionato italiano medici conquistato per il secondo anno consecutivo da Guido Marini. Vanno anche menzionate le imprese di Massimo Taliani alla Nove Colli, e quella di Palermo, dove l’atleta di Piancastagnaio è riuscito ( solo pochissimi nella storia italiana ci sono riusciti ) a percorrere di corsa 380 giri di pista in 24 ore, riuscendo così ad andare sopra il “muro” dei 200 chilometri, per l’esattezza 203 e spiccioli. In evidenza anche i risultati conseguiti da Alessandra Perosi nella maratona di Pisa, (3h27”49) e da Micaela Brusa nella maratona di Firenze (3h26”46). E proprio quest’ultima la vera sorpresa della stagione, con le sue 9 vittorie assolute e tanti podi importanti. Come tutti gli anni, il Marathon Bike non ha tralasciato la promozione dei due sport, organizzando 12 manifestazioni sportive, tra le quali il “ Trittico D’oro Tommasini” e il “Trofeo del Donatore” nel ciclismo, mentre per quanto concerne il podismo, “Su e giù per le mura” e “La staffetta di Canapone” sono senz’altro il fiore all’occhiello della società grossetana. Numeri importanti anche nel sociale, dove i donatori di sangue del gruppo , sono saliti a quota 67. Il Marathon Bike, coglie l’occasione per ringraziare il Comune di Grosseto e tutte le persone che hanno contribuito al raggiungimento di questi eccellenti risultati.

 

OGGI SU 1 SPORT

TESTATA GIORNALISTICA REGISTRATA AL TRIBUNALE DI GROSSETO N.7/10

P.IVA 01425990536

Vivi Grosseto è Patrocinato da

logo provincia di GrossetoLogo comune di Grosseto